5 idee per viaggiare in modo sostenibile

Quando la stagione estiva è volta ormai al termine c’è chi riprende di nuovo la vita frenetica di tutti i giorni, ma anche chi decide di godersi delle vacanze più rilassate, magari organizzando un bel viaggio in bassa stagione. In entrambi i casi, scegliere di viaggiare in modo sostenibile vuol dire tanto, perché è una responsabilità di tutti quella di ridurre il nostro impatto sui luoghi che visitiamo.

Perché è importante pensare di viaggiare in modo sostenibile?

Negli ultimi anni è stato condotto da autorevoli università europee, uno studio sull’impatto ambientale prodotto dai flussi turistici, facendo emergere una realtà preoccupante. Questi studi forniscono molti spunti di riflessione utili a farci programmare una vacanza in una chiave più ecologica; pensate a quanto impatto ambientale può produrre un solo aereo e moltiplicatelo per le centinaia di migliaia di rotte che ogni singolo aereo fa nell’arco dei periodi di alta stagione dove si registra una maggiore affluenza turistica. Siete curiosi di mettere a confronto le emissioni di CO2 dei viaggi in aereo? Qui potete farvi qualche idea!

Come prepararsi prima della partenza?

Prima ancora di programmare un viaggio, è buona pratica informarsi sui metodi più attendibili per fare una vacanza sostenibile. Uno dei tanti è sicuramente quello di affidarsi a degli operatori che organizzano viaggi etici e a basso impatto ambientale. Molte agenzie di viaggio si adoperano infatti per cercare non solo mete ma anche strutture ricettive che mantengano integro questo spirito. Grazie a scelte di questo tipo, si avvantaggiano le piccole attività locali, che diversamente non riuscirebbero a competere con i grandi alberghi, ristoranti, bar, ecc che spesso sono proprietà di investitori stranieri e dove la popolazione locale è impiegata in mansioni stagionali poco qualificate e mal pagate. All’interno di un contesto a gestione familiare invece è possibile apprezzare i prodotti tipici locali a km zero, scoprendo le tradizioni più autentiche del posto e i gli itinerari meno conosciuti.

Ecco 5 idee per viaggiare in modo sostenibile

Scegliere di scoprire destinazioni non troppo lontane da noi

Tante persone sono convinte che le vere vacanze siano quelle fatte all’estero, lontano da tutto e da tutti, dove è possibile godere della vera e propria vacanza, paesaggi e usanze diverse dalle nostre e soprattutto un mondo nuovo da scoprire ed ammirare. Pochi riflettono invece sul vero valore del nostro territorio, non pensando che possano esistere piccole gemme nascoste proprio dietro casa, sconosciute ai più ma che in realtà nascondono il segreto di una longeva e genuina realtà. Questo tipo di vacanza sta iniziando ad avere una crescita sempre più consistente proprio perché, pur non andando troppo lontano, offre le stesse caratteristiche, se non migliori, di quelle vacanze fatte in location sempre più inflazionate e soggette il più delle volte ad un turismo sempre più di massa. La scelta nasce non solo per favorire un tipo di turismo più etico e a basso impatto ambientale (eviterete la diffusione di tonnellate di CO2 nell’atmosfera non prendendo un aereo), ma soprattutto per riscoprire realtà nostrane dimenticate che ci arricchisce conoscere.

Utilizzare mezzi di trasporto a basso impatto ambientale

È ora di partire, e adesso? Quando si parte per una vacanza è importantissimo scegliere il proprio mezzo di trasporto. Quando si vuole andare lontano, quasi sempre si opta per la macchina o l’aereo per affrontare i viaggi più impegnativi. Vi abbiamo già parlato di quanto costi in termini ambientali ed economici una di queste due scelte, ma allora cosa bisogna prediligere se vogliamo viaggiare in modo sostenibile? La risposta oltre che nella scelta della destinazione sta nel tenere conto dei vantaggi che una scelta comporta rispetto ad un’altra. Ad esempio, prendere il treno per affrontare dei percorsi più lunghi o spostarsi in bicicletta per raggiungere delle mete più vicine una volta arrivati è la soluzione migliore. Viaggiare con uno di questi mezzi inoltre permette di godere a pieno del panorama, senza preoccuparsi di inutili stress come il traffico o le lunghe ore di attesa in aeroporto qualora un volo venga spostato o cancellato. Andare in bicicletta poi oltre a tenerci in forma durante la nostra vacanza è il modo migliore per conoscere il territorio in tutto il suo splendore, permettendo a chiunque di seguire del percorsi cicloturistici da favola in tutta Italia.

Rispettare gli usi e i costumi dei luoghi

Viaggiare significa non solo visitare luoghi a noi sconosciuti, ma anche contribuire al sostegno dell’economia locale. Evitate di prendere parte a quel turismo di massa che mercifica la tradizione e la cultura ma andate a scoprire gli aspetti più profondi e genuini di un popolo. In questo modo tornerete arricchiti dal vostro viaggio ed eviterete di prendere parte ad attività o produzioni ad uso e consumo del turista. Ricordate che il rispetto delle tradizioni e dei costumi altrui sta alla base della civiltà.

Stare attenti ai propri consumi

Durante il vostro viaggio fate attenzione ai vostri consumi, riducete l’utilizzo della plastica attraverso prodotti usa e getta e non sprecate l’acqua; è consigliabile invece utilizzare delle borracce che all’occorrenza possano venire nuovamente riempite. Il dispendio di energia in vacanza è un altro punto importante, infatti il consumo è quasi il doppio di quello di cui si ha davvero bisogno. Spesso ci si dimentica di lasciare luci e aria condizionata accesa durante la nostra permanenza in una struttura ricettiva, perciò fate sempre attenzione ai vostri consumi per ridurre il più possibile il vostro impatto. Informatevi sui problemi ecologici della zona che vi accingete a visitare e ove possibile, cercate di dare il vostro contributo per evitare che si continuino ad alimentare quei problemi. Soprattutto cercate di attuare delle buone pratiche a basso impatto ecologico da mantenere sempre, non solo in vacanza.

Insegnare le buone pratiche ai vostri bambini

Un punto fondamentale è quello di insegnare dei buoni principi ai nostri bambini: quale scenario migliore se non quello delle vacanze per mettere in atto questi buoni propositi? Proprio per il fatto di essere lontani da casa e dover convivere con tante nuove esperienze, saranno spronati ad apprendere velocemente il rispetto per la natura, per gli animali e per i luoghi che stanno visitando. Viaggiare in modo sostenibile è di per se un buon insegnamento per i nostri figli e rappresenta un buon banco di prova per verificare che anche loro possano fare tesoro dei vostri insegnamenti.

Post correlati

Turismo sostenibile: come viaggiare in modo responsabile

Nel 2017 l’ONU ha dichiarato l’anno internazionale del turismo sostenibile, evidenziando il problema dell’impatto che il turismo di massa ha sull’ambiente. L’importanza…

Leggi di più

Glamping: qual è il significato?

Il glamping nasce dalla fusione di due parole inglesi: glamour e camping. È un campeggio di ordine
superiore rispetto a quello tradizionale,…

Leggi di più

Che cos’è il glamping?

Nasce il campeggio a 5 stelle: il glamping unisce il comfort di un albergo con l’amore per la natura. Dormire sotto un…

Leggi di più

Condividi la tua esperienza

Cerca
0 Adulti

Glamping comparati

Compara